Alessandra Martina – Alessandra Martina Fotografa

Alessandra Martina

You are currently browsing posts written by Alessandra Martina.

happy food

La brigata Kioo Studio & Alessandra Martina Fotografa vi propone un menù completo! 👩‍🍳 antipasto: inventiamo e realizziamo le ricette 🍽 primo: impiattiamo 📸 secondo: fotografiamo 🎂 e dulcis in fundo… pubblichiamo sul web e sui social!

Storia di una fotografia: Eliott Erwitt

Sono davvero pochi i fotografi che come Eliott Erwitt sanno farci ridere della vita di un cane, o di un essere umano. Erwitt ha un modo tutto suo, un po’ folle, di guardare gli animali e i loro padroni. Passa accanto a quest’uomo, o è una donna?, seduto su un gradino con i suoi bulldog: uno è ingrugnato e se ne sta per conto suo, l’altro è appollaiato sul suo padrone. Erwitt si è messo ...

Per sviluppare l’occhio

La fotografia riesce a cambiare il nostro modo di percepire il mondo che ci circonda. Attraverso la fotografia, senza nemmeno accorgercene, insegniamo ai nostri occhi a notare colori, forme, volti, materiali e luci che altrimenti apparirebbero invisibili. Fotografare significa mettersi alla ricerca della bellezza in tutte le sue forme.

Il gatto

Nel corso del 1870, il fotografo di Brighton Harry Pointer (1822-1889) divenne famoso per una serie di cartoline che avevano come soggetto i suoi gatti. Pointer cominciò a scattare fotografie convenzionali di gatti a riposo, mentre bevevano latte o dormivano, ma presto si specializzò nel fotografarli in una varietà di pose mettendoli in ambienti che potessero creare un’immagine ...

Storia di una fotografia: Henri Cartier-Bresson

Storia di una fotografia: Il tempismo è davvero tutto, ma per i fotografi come Henry Cartier-Bresson avere tempismo significa cogliere un istante dal flusso del tempo che scorre. Significa trovare quello che lui chiamava l’”istante decisivo”. Cartier-Bresson camminava dietro la stazione ferroviaria Gare Saint Lazare di Parigi, quando vide questa passerella di fortuna sopra una pozza; notò ...

André Kertész

Mi sono innamorata di André Kertész a sedici anni, sfogliavo un libro di foto ascoltando la Quinta Sinfonia di Mahler… (Posso capire i commenti dei miei amici sulla mia infanzia! 😁)… Kertész trasformava le strade in qualcosa di più di un’astrazione mostrando una prospettiva nuova che normalmente non osserviamo né vediamo. Le sue immagini sono eleganti, poetiche, originali, ...

auguri pa’

Devo moltissimo a mio padre… gli devo il lavoro che amo, l’averci sempre creduto e l’avermi sostenuta e spronata, gli devo la passione per l’arte e per la mia terra, gli devo una serie infinita di preziosi consigli che spesso non ho seguito, gli devo il silenzioso supporto nei momenti cruciali, la sua discreta presenza nei cambiamenti, le rumorose sveglie ...